È una tremenda esplosione di energia e radiazioni che ha attraversato parte della Via Lattea solo 3, 5 milioni di anni fa. La sua origine confonde ancora gli astrofisici, ma è sicuramente legata al Sagittario-A *, il buco nero al centro della Via Lattea.

Impatti a 200.000 anni luce

È un team australiano-americano del Centro 3D ASTRO che ha rilevato le tracce del fenomeno e lo riporta in un articolo che appare sulla rivista The Astrophysical Journal . Il fenomeno formò due enormi coni di ionizzazione che attraversavano la Via Lattea da una parte all'altra. Nel loro punto di origine, hanno circa il diametro del buco nero centrale ma poi si allargano considerevolmente. L'esplosione è stata così potente che le due strisce di gas che ha generato hanno persino lasciato la galassia per estendere altri 200.000 anni luce. Tagliarono così la corrente magellanica, una corona di gas e materia situata sulla scia delle nuvole di Magellano che sono due galassie satellitari della Via Lattea.

L'esplosione ha avuto un impatto sulla corrente magellanica. Credito: James Josephides / ASTRO 3D

Una causa misteriosa

L'esplosione e le sue conseguenze potrebbero essere rilevate con il telescopio Hubble. È stato così potente che gli autori della ricerca escludono tutte le cause stellari comprese le supernova. Non c'è dubbio per loro che si tratta di un fenomeno legato al buco nero centrale, che pesa circa 4, 2 milioni di masse solari, che è alla sua origine. Altre osservazioni saranno tuttavia necessarie per chiarire la sua natura. Il centro della galassia sfrecciò energia per circa 300.000 anni: non era certo bello stare nelle vicinanze! Fortunatamente, la Terra è lontana dal centro galattico, nascosta in una delle sue spirali.

Questo studio dimostra che la Via Lattea ha un centro molto più emozionante di quanto pensassimo. Di solito è descritta come una galassia inattiva con un nucleo debole ma " questi risultati aprono la possibilità di una reinterpretazione completa della natura e dell'evoluzione della Via Lattea.

È una tremenda esplosione di energia e radiazioni che ha attraversato parte della Via Lattea solo 3, 5 milioni di anni fa. La sua origine confonde ancora gli astrofisici, ma è sicuramente legata al Sagittario-A *, il buco nero al centro della Via Lattea.

Impatti a 200.000 anni luce

È un team australiano-americano del Centro 3D ASTRO che ha rilevato le tracce del fenomeno e lo riporta in un articolo che appare sulla rivista The Astrophysical Journal . Il fenomeno formò due enormi coni di ionizzazione che attraversavano la Via Lattea da una parte all'altra. Nel loro punto di origine, hanno circa il diametro del buco nero centrale ma poi si allargano considerevolmente.

Raccomandato Scelta Del Redattore