SPQR . Dall'esercito romano, la storia ha mantenuto la disciplina e l'efficienza. Efficienza dovuta, tra l'altro, alle diverse formazioni che erano in grado di adottare legionari in combattimento. Quello che offriva la massima protezione, comunemente usato dai romani che combattono Asterix e Obelix nei fumetti di Uderzo e Goscinny, è la formazione della tartaruga o testudo, dove i soldati chiudono i ranghi mentre mettono insieme gli scudi per formare uno schermo che li protegga. Nel corpo alcune cellule sembrano usare le stesse tattiche ...

Celle che si muovono in gruppi

"Abbiamo identificato un meccanismo importante per le cellule per controllare il loro movimento in gruppi e crediamo che questo meccanismo sia utilizzato dalle cellule maligne in una serie di tumori, in particolare alcuni tipi di carcinoma mammario, carcinoma prostatico e carcinoma prostatico. pelle ", afferma Gregory Emery, biologo dell'Università di Montreal.

La tartaruga romana. Stéphane Paillat.

"Come i romani, se alcune cellule tumorali si muovono efficacemente, è a causa dei loro movimenti strettamente coordinati. Per fermare i loro progressi, dobbiamo prima capire come viene fatto questo coordinamento. Quindi possiamo provare a bloccare il coordinamento delle cellule tumorali e prevenire la diffusione di alcuni tumori.

MIGRAZIONE . Questa coordinazione coinvolge necessariamente un messaggero che informa le cellule del comportamento dei loro vicini immediati. Nella rivista Nature Cell Biology, gli scienziati canadesi descrivono una proteina, Rab11, che potrebbe svolgere questo ruolo. Consente alle singole celle di organizzarsi in una struttura compatta per muoversi insieme.

Rab11 agisce regolando un'altra proteina chiamata moesin, nota per controllare la forma e la rigidità delle cellule. Ridurre il livello di moesin aiuta a ridurre la coesione dei gruppi cellulari, ostacolando così la loro migrazione. "Abbiamo identificato un meccanismo mediante il quale le cellule comunicano per coordinare i loro movimenti. Interrompendo questo meccanismo, riusciamo a bloccare la loro migrazione ", afferma Dr Emery.

Sebbene i risultati siano stati ottenuti con un modello di cellula di insetto, è già stato dimostrato che queste proteine ​​svolgono un ruolo in alcuni tumori nell'uomo. "Ciò significa che il nuovo meccanismo regolatorio che abbiamo identificato nelle cellule volanti è probabilmente altrettanto importante negli esseri umani con cancro", afferma il dott . "Il nostro lavoro ci permetterà di identificare obiettivi molecolari per interrompere la migrazione cellulare collettiva e, si spera, combattere contro la formazione di metastasi", conclude.

Joel Ignasse, Science and Future, 13/03/13

LEGGI ANCHE : La metastasi sarebbe una prima reazione del processo 1

Raccomandato Scelta Del Redattore