Marisol Touraine ha annunciato l'istituzione di un "dispositivo" in Francia per limitare la sua prescrizione.

Cacofonia. Touraine ha fatto gli annunci durante una conferenza stampa quando l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha annunciato in una dichiarazione che le donne non avevano motivo di interrompere l'assunzione di pillole contraccettive combinate (estroprogestivi ), compresi quelli di terza generazione.

"Attualmente non ci sono nuove prove che suggeriscano un cambiamento nel profilo di sicurezza noto delle pillole combinate attualmente commercializzate, quindi non c'è motivo per le donne di smettere di usare i contraccettivi", afferma EMA. Londra.

Non un divieto, ma una limitazione della prescrizione

Alla sua conferenza stampa a Parigi, il Ministro della Salute ha chiesto all'Unione Europea di limitare l'uso delle pillole di 3a e 4a generazione rivedendo le loro autorizzazioni all'immissione in commercio "in senso restrittivo" . vale a dire limitando la loro prescrizione "alla seconda intenzione" .

"Stiamo per impadronirci dell'Europa, non per sospendere (queste pillole) ma per modificare" le loro indicazioni di prescrizione, ha spiegato Dominique Maraninchi, direttore dell'agenzia farmaceutica ANSM.

CARDIOVASCOLARE. La signora Touraine ha anche annunciato l'istituzione di un "dispositivo" in Francia per limitare la prescrizione di queste pillole, che hanno un aumentato rischio cardiovascolare rispetto alle pillole di seconda generazione.

2, 5 milioni di donne attualmente assumono pillole di terza e quarta generazione, la metà di tutte le donne in pillola in Francia, una prescrizione ritenuta eccessiva dalle autorità sanitarie francesi.

Il dibattito è stato ripreso in Francia dall'archiviazione a metà dicembre della prima denuncia di una giovane donna che ha subito un ictus che ha attribuito alla presa di una pillola di terza generazione. Altri reclami dovrebbero seguire presto.

Raccomandato Scelta Del Redattore