NATURALE. Feromoni, batteri, macroorganismi, sostanze vegetali, animali e minerali. Negli ultimi anni, la batteria di soluzioni naturali che agiscono sulla salute delle piante è cresciuta costantemente. "Le 43 società francesi membri della nostra associazione internazionale di produttori di prodotti di biocontrollo (IBMA) pesano 2 miliardi di euro di fatturato, ovvero il 5% del mercato nazionale dei pesticidi, in particolare Frederic Favrot, CEO di Koppert France, filiale di una società olandese specializzata nel settore. Puntiamo al 15% entro il 2020. "

I venti sono davvero molto galleggianti. Dopo anni di fallite politiche di riduzione dei prodotti fitosanitari ormai presenti nella maggior parte dei fiumi francesi, il governo e una quota crescente della professione agricola sembrano voler veramente risolvere il problema. Koppert riassume la vitalità del settore. Questa azienda, creata nel 1967, iniziò con le colture in serra, una specialità dell'Olanda. In un mondo controllato e chiuso, è davvero più facile usare le armi naturali che sono quattro:

I macrorganismi sono la classe dei predatori naturali dei parassiti delle piante. Questo è il caso della coccinella sugli afidi, tricogrammi contro la trivellatrice del mais, i tiffodromi contro gli acari della vite. 100.000 dei 500.000 ettari di mais piantati in Francia sono trattati con tricogrammi.

I microrganismi sono batteri e virus che sono efficaci contro insetti e funghi. Il batterio Pythium oligandrum agisce contro l' appassimento di Fusarium, la Beauvaria bassiana contro la trivellatrice di mais, il Bacillus thurigiensis contro lo scarabeo di patata del Colorado.

I feromoni sono composti odorosi che consentono agli insetti maschi di incontrare le femmine. Diffondendo questi "profumi", si istituisce una "confusione sessuale" che ostacola la riproduzione. Questa tecnica è ora comune in arboricoltura e viticoltura.

Le sostanze vegetali, animali e minerali sono estratti che hanno un effetto sulle piante. È il caso degli oli di paraffina, oli essenziali di arancia dolce e piretrine estratti dal crisantemo.

Queste tecniche prendono di mira i parassiti delle piante. Ci sono anche prodotti per stimolare le difese delle piante. Pertanto, gli "elicitori" sono composti estratti dalle alghe che rafforzano le difese immunitarie delle piante. Un altro metodo per migliorare la robustezza delle colture è la fornitura di batteri e funghi del suolo adatti alle piante. La ricerca ha dimostrato che i microrganismi del suolo sono accoppiati per migliorare la resistenza delle piante ai parassiti. Queste comunità vengono ricostituite e applicate a spruzzo sulle colture. La società leader nel settore, Novozymes, si è unita alla multinazionale Monsanto nel 2013 per sviluppare questa soluzione. "La ricerca è particolarmente dinamica nel nostro settore, accoglie con favore Frédéric Favrot. Pertanto, nei prossimi anni andremo da 3 a 10 soluzioni di trattamento per malattie dei cereali e da 1 a 7 per altre colture da campo, mais, colza. "

Accelerare gli sforzi di ricerca

Questo progresso è particolarmente atteso dagli agricoltori che temono di rimanere senza soluzioni alle malattie. Questa è in ogni caso la posizione della FNSEA che rifiuta qualsiasi divieto sui prodotti chimici se non esiste un trattamento alternativo. Tuttavia, il biocontrollo è solo una parte della soluzione per ridurre o addirittura eliminare la chimica delle aziende agricole. Soluzioni agronomiche come rotazioni con introduzione di legumi, riduzione delle dimensioni della trama, uso di sistemi di allarme computerizzati completano l'arsenale di misure da attuare. Tutte queste soluzioni sono studiate all'interno di un consorzio pubblico-privato a cui ora viene chiesto di accelerare gli sforzi di ricerca.

Raccomandato Scelta Del Redattore