AVVELENAMENTO. La città giapponese di Minamata è il simbolo delle devastazioni del mercurio sull'uomo e sull'ambiente. Tra il 1949 e il 1965, 900 persone morirono per intossicazione da metalli nell'oceano a causa di un impianto petrolchimico. Attraverso il consumo di pesce, decine di migliaia di persone sono state colpite da danni neurologici e solo nel 2009 sono state riconosciute tutte le vittime.

È quindi il nome di questa città martoriata che la comunità internazionale ha scelto di nominare un accordo ambizioso: "Tutti nel mondo trarranno beneficio dalle decisioni prese questa settimana a Ginevra " , ha affermato Achim Steiner, Segretario Generale delle Nazioni Unite. Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), in particolare i lavoratori delle piccole miniere d'oro e delle loro famiglie, i popoli dell'Artico, questa generazione di madri e bambini e tutte le generazioni a venire. "

L'accordo vieta l'uso del mercurio per una serie di prodotti entro il 2020:

  • Batterie e batterie, ad eccezione delle pile a bottone utilizzate negli impianti medici, incluso quello cardiaco
  • interruttori, interruttori e relè elettrici
  • alcuni tipi di lampade fluorescenti compatte nonché gli elettrodi di tutte le lampade fluorescenti
  • saponi e cosmetici

I negoziatori hanno ammesso una serie di eccezioni in cui il mercurio non ha sostituti, come i vaccini in cui viene utilizzato come conservante. Allo stesso modo, l'amalgama dentale non è vietata come desiderato dalle ONG, ma una riduzione volontaria di questo tipo di cure.

LED. A livello industriale, l'accordo dovrebbe avere alcune conseguenze. Pertanto, il divieto parziale delle lampade fluorescenti compatte faciliterà la penetrazione dei LED già in corso nel mercato dell'illuminazione.

Gli obiettivi sono molto più chiari per le due principali fonti di emissioni umane di mercurio, piccole miniere d'oro e la combustione del carbone da centrali termiche o cementerie. Gli Stati con piccole miniere d'oro dovranno stabilire piani nazionali per l'eliminazione graduale del mercurio attraverso questa attività entro tre anni dall'entrata in vigore del trattato.

VOTA. La Convenzione di Minamata diventa anche l'organismo di controllo delle emissioni di centrali termiche, caldaie industriali, cementifici e impianti di incenerimento dei rifiuti. Le nazioni si sono anche impegnate a imporre le migliori tecnologie disponibili per ridurre le emissioni da nuovi impianti e ad agire per ridurre i rilasci di unità esistenti.

Per entrare in vigore legalmente, il testo dovrà ora essere votato dai parlamenti di almeno la metà degli Stati firmatari, il che potrebbe richiedere del tempo. Per le ONG, in ogni caso, è solo un punto di partenza. "Questo trattato non porterà a una riduzione immediata delle emissioni di mercurio", ha affermato David Lennet, rappresentante della coalizione "zero mercurio" delle ONG, che deve essere migliorata e rafforzata per garantire che tutti i pesci sono buoni da mangiare ".

Loïc Chauveau

Raccomandato Scelta Del Redattore