DERMATOGLYPHS . A cosa servono le impronte digitali? Ha un'identificazione dal diciannovesimo secolo, ma prima? Le impronte, o i dermatoglifi, hanno anatomisti da lungo tempo incuriositi.

Ricorda che si trovano sulle dita ma anche sulle dita dei piedi e sulla pianta delle mani e dei piedi, sugli umani ma anche sulle grandi scimmie e koala. Si è sempre immaginato che avrebbero potuto avere un ruolo nella presa, ma nessuno studio è stato in grado di dimostrare la veridicità di questa ipotesi.

Il dito artificiale progettato per testare le forze di attrito. DR.

I materiali naturali forniscono la risposta

Sul sito web della BBC, il giornalista Jonathan Amos riassume un nuovo studio che porta finalmente una conferma del loro ruolo. I ricercatori dell'Università di Dartmouth hanno fabbricato un dito artificiale con impronte incise su una busta di silicone e ne hanno testato l'adesione su supporti diversi. Dimostrano che per i media naturali (come gli alberi di corteccia) la presenza di impronte digitali aumenta il coefficiente di attrito.

Ditalini con dita . Questa ricerca è stata presentata alla conferenza annuale dell'American Association for the Advancement of Science (AAAS) che pubblica la rivista Science di Nathaniel Dominy, ricercatore principale. Crede che i dermatoglifi abbiano fornito un vantaggio evolutivo facilitando l'arrampicata dei nostri lontani antenati nelle foreste dell'Africa. Questo non è l'unico studio che ha scoperto l'importanza dei rilievi digitali nell'impugnatura. Uno studio dell'Università britannica di Newcastle, recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Biology Letters, indicava che le dita si stropicciavano nell'acqua per facilitare l'aderenza e la cattura. I ricercatori hanno persino sospettato un ruolo per la locomozione, proprio come per le impronte digitali.

2 reazioni
Raccomandato Scelta Del Redattore