Un nuovo passo nell'uso della stampante 3D in medicina: un team di chirurghi olandesi ha impiantato un teschio interamente realizzato con la stampa 3D. Fu a Utrecht, nei Paesi Bassi, che ebbe luogo questa operazione di 23 ore. Realizzato tre mesi fa, i medici hanno preferito aspettare di vedere l'evoluzione del paziente prima di rendere pubbliche le informazioni.

Una grave malattia ha causato la compressione del cervello

SPESSORE. La giovane donna soffriva di una rara malattia che le causava un graduale ispessimento del cranio. Quest'ultimo aveva raggiunto uno spessore di 5 cm (la media è di 1, 5 cm) e la compressione del suo cervello ha iniziato a danneggiare la sua funzione cerebrale (mal di testa, perdita della vista). Era quindi necessario un intervento chirurgico.

I chirurghi Bon Verweij e Marvick Muradin dell'UMC Utrecht hanno deciso di sostituire il cranio con un impianto realizzato attraverso la collaborazione con una società australiana specializzata nella stampa 3D.

Un teschio strettamente identico a quello del paziente!

Modeling. Per realizzare l'impianto, è stato prima necessario creare un modello 3D del cranio del paziente. È stato realizzato uno scanner per ottenere un'immagine della sua forma ottimale.

LeggiIl cuore di un bambino operato attraverso la stampa 3D ">

Dopo aver stampato una copia tridimensionale dal file digitale, l'operazione consisteva quindi nella rimozione del cranio malato e nella sua sostituzione con quello artificiale.

PLASTICA. "Il cemento osseo più comunemente usato per questo tipo di chirurgia è tutt'altro che ideale", afferma il chirurgo, "la stampa 3D utilizzata in chirurgia realizza impianti su misura". L'impianto in questione era composto da un materiale a base di plastica.

VIDEO: immagini dell'operazione e teschio stampato

Dopo 3 mesi, la giovane donna sta bene, riferiscono i chirurghi. "I benefici medici ed estetici sono enormi, le funzioni cerebrali del paziente guariscono molto meglio dei metodi tradizionali".

In futuro, questa tecnologia potrebbe essere utilizzata per operare su persone con tumore osseo o vittime di traumi cranici.

2 reazioni
Raccomandato Scelta Del Redattore