Ray Bradbury è morto all'età di 91 anni. Autore del Martian Chronicles e The Fair of Darkness, il romanziere americano è particolarmente noto in tutto il mondo per il suo lavoro Fahrenheit 451, pubblicato nel 1953.

In questa distopia che si svolge in un futuro totalitario e in linea con il meglio dei mondi di Aldous Huxley e George Orwell del 1984, i vigili del fuoco viaggiano per la città per confiscare libri e fare autodafé. François Truffaut lo adatterà sul grande schermo nel 1966.

Gli appassionati di cinema ricorderanno che Bradbury era lo sceneggiatore di "Moby Dick" girato da John Houston nel 1956 dopo il lavoro di Herman Melville.

Ray Bradbury non si considerava uno scrittore di fantascienza, credendo che la sua unica vera opera di anticipazione fosse Fahrenheit 451 e che tutte le sue altre storie fossero di fantasia . In generale, lo scrittore non era appassionato di tecnologia. Non guidava mai le auto, era molto scettico sull'utilità di Internet e si opponeva agli e-book, rimanendo profondamente attaccato all'inchiostro e alla carta dei vecchi libri a cui doveva la sua fama.

Hervé Ratel

Raccomandato Scelta Del Redattore